Frammento II

Dove sei stato, mi chiede piangendo. Ero qui, sono uscito a prendere solo le sigarette. Dove sei stato, me lo ripete, ma questa volta non piange. Mi guarda così forte da rompermi le costole e perforarmi i polmoni. Io che mi sento annegare, non riesco a respirare e a rispondere. Dov’eri. I suoi occhi di fuoco mi bruciano se li guardo troppo. Gli rispondo lentamente che ero uscito a comprare solo quelle cazzo di sigarette. Mi chiede perchè sono così teso nel rispondergli. Una pioggia di meteoriti simili a gocce d’acqua mi sfiora, quelli più piccoli mi colpiscono sulla testa e sulle spalle. Un passo indietro, e mi ritrovo su una crepa. Si apre sempre di più e sotto la suola non sento più nulla, ma non cado. Guardo sotto di me. Una folata di aria calda mi colpisce sulle gambe e sulla faccia deturpata dai piccoli sassi che schizzano verso il cielo. Intravedo aggrappati alle pareti di questa voragine delle persone, che cercano di salire fino a me, ma come su delle scale mobili che vanno nel verso opposto, rimangono immobili. Sento qualcuno che grida quello che doveva essere il mio nome. Il suo volto non lo vedo, ma riesco a distinguere la voce, la conosco bene. Qualcun altro mi chiede aiuto, tra un singhiozzo e l’altro. Qualcun altro ancora mi dice che smetterá di salire quando io inizierò a scendere, che non vede l’ora di avermi in quel canyon spettrale. E riconosco le voci di tutti e i loro elettrocardiogrammi piatti si svegliano quando mi vedono scendere di qualche centimetro. Le nuvole hanno coperto il cielo, nessuna stella bassa che può essere la mia guida. E le grida diventano piu assordanti. Sempre più assordanti. La brina si deposita sui miei capelli sui miei pensieri. poi sento una mano che mi stringe la caviglia, le unghie più simili ad artigli di animale che a quelle dell’uomo mi si infilano nella carne. I nervi non reggono, il muscolo non regge. Mi tira verso il fondo, dopo  quindici secondi di caduta libera non ho più aria nei polmoni. Serrate le palpebre e tutti i pensieri tra la nebbia di Milanona gennaio e il gelo di Bologna a Novembre.

Un pensiero riguardo “Frammento II

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...